Wine&Spirits

Noi in RBA Design crediamo da sempre che tra i valori più importanti da comunicare per ciascuna cantina ci siano proprio i luoghi dove svolge la sua attività. Le colline più o meno scoscese, le zolle di terra da cui nasce il vino, le bellezze architettoniche e naturali che fanno da scenario unico ed irriproducibile  ad ogni attività vitivinicola. Raccontare storie interessanti e rilevanti e’ compito della comunicazione quando si mette al servizio di un produttore vinicolo.

IL VINO RACCONTA IL TERRITORIO O E’ IL TERRITORIO A RACCONTARE DEL VINO_

Storie emozionanti, uniche, che sono poi le basi le fondamenta per costruire la marca. Stiamo parlando di “storytelling” : il marketer ed il designer si devono fondere per diventare dei veri cantastorie per la marca. Detto che in prima battuta è più semplice raccontare il territorio attraverso strumenti di comunicazione strutturati come il web, le brochure, l’adv tradizionale, e’ interessante chiedersi se una semplice etichetta possa adempiere a questa fondamentale funzione di “storytelling”.

In RBA Design siamo convinti che non solo l’etichetta lo possa fare, ma che il raccontare la marca debba essere il suo principale obiettivo. Vediamo ad esempio il progetto Concilio, I NATIVI, nato nella nostra agenzia Il territorio, il Trentino, fa bella mostra di se e diventa protagonista dell’identità attraverso l’utilizzo degli animali che da secoli popolano quelle colline impervie.

Un ‘trentinità’ quindi non banale, ma comunque sincera e autentica. Il risultato è quello di aver creato una linea con un’immagine unica e rilevante, coerente con la prima “materia” da cui nasce il vino sincero : la terra.

Le varie etichette si adeguano poi ad uno stile di vita che fa del rispetto della natura e  dei suoi abitanti animali uno dei valori di riferimento del nuovo consumatore.

Concilio - I Nativi rossi

Angelo FaravelliAUTORE
Angelo Faravelli
angelo.faravelli@rbagroup.it
Wine&Spirits

Il Prowein 2015 – manifestazione tedesca di punta tra le fiere europee dedicate al Wine and Spirits, paragonabile in termini di risonanza mondiale al nostro Vinitaly – è stata occasione per la presentazione della ricerca Global Consumer Trends & Wine Category. Il report offre uno snapshot esaustivo delle principali tendenze del settore vini, evidenziandone principalmente nove(vedi immagine 1 ), tra cui quella del Well-Being, ambito che ha catturato la nostra attenzione in RBA, portandoci a fare una riflessione su quanto e su come effettivamente questa tendenza abbia avuto un impatto sull’offerta nazionale.

E’indubbio che il nuovo millennio abbia portato con sé una richiesta sempre maggiore da parte dei consumatori, di prodotti – in particolare nel comparto food and beverage – controllati e selezionati, privi di sostanze nocive; e in questi ultimi anni la richiesta si è ulteriormente evoluta: non solo prodotti sani, ma addirittura funzionali, capaci di avere effetti positivi su una o più funzioni specifiche dell’organismo, al di là dei normali effetti nutrizionali, in modo che sia rilevante sullo stato di benessere. Detto questo si capisce quanto sia fondamentale per il successo delle proprie vendite, che un brand sia capace di costruire una relazione positiva con il consumatore, non semplicemente garantendo la propria affidabilità qualitativa, bensì la propria essenza, ossia incrementare comportamenti destinati a favorire sani stili di vita.

E ancora una volta le aziende affidano questo arduo e delicato compito in primis, all’identità visiva dei loro prodotti, a partire da brand e packaging design, come nel caso esemplare di La Maliosa, azienda agricola biodinamica della Toscana, cliente di RBA Design.

Un design essenziale, privo di sovrastrutture, esattamente come la filiera produttiva di La Maliosa; la forma circolare dell’etichetta e del segno grafico che caratterizza il brand, è un richiamo al pensiero biodinamico che concepisce l’azienda come un organismo vivente a ciclo chiuso, di cui il viticoltore deve occuparsi utilizzando coscientemente le forze naturali che lo compongono.

E’ altresì evidente nella scelta di un segno grafico fogliforme realizzato con un tratto che simula il disegno a mano, la dedizione per la terra, che va conservata e rispettata nella sua integrità, come segno di dedizione verso l’uomo ed il suo benessere

Un logo costruito con un font elegante, ma lontano da qualunque parossismo, completano un’immagine che nel complesso appare attuale e fresca, e dunque perfettamente inserita in un comparto di grande innovazione. Seguendo i dettami che hanno guidato alla realizzazione di brand e packaging design, sono stati realizzati una brochure ed un progetto web, capaci di rispondere alle esigenze comunicative dell’azienda verso un target di consumatori evoluti, che ricercano sempre maggiori informazioni.

Immagine 1
Immagine 1

Maliosa_BROCHURE_SITO_Groupage_sito

Angelo FaravelliAUTORE
Angelo Faravelli
angelo.faravelli@rbagroup.it