SEGUICI SU :
LANGUAGES: IT EN

QUESTIONARIO DI PROUST PER IL MONDO DEL VINO  COMPILATO DA  LORENZO CORINO  (Enologo Fattoria La Maliosa)

Il Questionario Di Proust Wine&Spirits

Come anticipato, qua sotto trovate il primo QUESTIONARIO DI PROUST PER IL MONDO DEL VINO  compilato da un importante protagonista di questo mercato. Ogni settimana una paersona diversa risponderà alle medesime domande. Non vi resta che leggerlo.
QUESTIONARIO DI PROUST PER IL MONDO DEL VINO  compilato da  Lorenzo Corino  (Enologo Fattoria La Maliosa http://fattorialamaliosa.it )
·       Q) Qual è la vostra definizione preferita di “vino”?
A) Il vino è il prodotto della fermentazione del frutto della Vitis vinifera sativa con l’assistenza professionale dell’uomo.
·       Q) Qual è l’elemento più importante in un’etichetta?
A) La forza di un’etichetta… raccontare la verità!
·       Q) Qual è l’aspetto che preferite rispetto al lavoro nel settore del vino?
A) Il mio momento preferito è la decisione vendemmiale.
·       Q) Qual è la qualità che preferite rispetto ai vini da voi prodotti?
A) La qualità non esiste in assoluto: ogni vino ha la sua qualità.
·       Q) Scegliete uno dei vini della vostra gamma e diteci quale sia l’abbinamento gastronomico preferito.
A) Un vino dovrebbe, in primis, esser salubre e accompagnare ‘quasi’ tutto il pasto; Eppure ci sono dei
‘solisti’ che sono più adatti a pochi abbinamenti.
Non esiste una preferenza assoluta perché vi sono altri fattori (umorali, emozionali, di stato fisico, temporale.) che influiscono anche in maniera forte.
·       Q) Pensate a un vino della Vostra gamma e paragonatelo a un musicista (cantante, gruppo o compositore)
A) Paragonare a musicista….  È possibile ma anche qui le emozioni possono diventare determinanti
·       Q) Qual è il vostro vino preferito (esclusi quelli della Vostra Azienda)
A) Non esiste una preferenza certa : esiste uno status che è dinamico e mutevole ..
·       Q) Qual è il Vostro stato d’animo attuale in relazione al mercato del vino?
A) Stato d’animo e mercato: una certa confusione è innata nel settore ; il vino non è quasi mai oggettivato astratto da altri valori (non è più un prodotto agricolo regolare)
·       Q) Qual è l’area vitivinicola dove vi piacerebbe lavorare, ad esclusione di quella attuale?
A) In una zona a medio bassa intensità colturale ed in situazione policolturale
·       Q) Qual è il momento che preferite nel lungo processo della produzione del vino (dalla messa a terra delle barbatelle fino all’uscita della bottiglia dal magazzino)
A) Ce ne sono tanti e tra questi il germogliamento ,la vendemmia e l’assaggio del vino appena svinato
·       Q) Qual è il vostro cibo/piatto preferito?
A) Non esiste un piatto preferito , esistono cibi non propriamente graditi.
·       Q) Se non lavoraste nel settore del Wine& Spirits, in quale altro vi piacerebbe lavorare?
A) Coltivare piante , qualsiasi pianta. Osservare le complessità che si instaurano e documentarle.
·       Q) Qual è il vostro “Motto” preferito?
A) Determinazione paziente.

RBA designAUTORE
RBA design
rba@rbadesign.it